in

Cara Barbara D’Urso, anche tu sei stata radiata dall’Ordine dei Giornalisti

Barbara D'Urso ordine giornalisti

Cara Barbara D’Urso, ti sei data tanto da fare per ospitare nel tuo studio ospiti che avrebbero dato scintille e alla fine è andata a finire che a fare scintille sei stata proprio tu. Lo scontro avuto con Sergio Vessicchio non ha avuto esclusione di colpi e tu da perfetta padrona di casa hai saputo mettere l’ospite al suo posto.Barbara D’Urso ordine giornalisti

Ma facciamo un passo indietro Carmelita mia! Vessicchio si è trovato radiato dall’Ordine dei Giornalisti per alcune affermazioni sessiste contro un arbitro donna. Nell’ultima puntata di Live – Non è la D’Urso tu hai avviato un dibattito sulle discriminazioni di genere sul mondo del lavoro e in collegamento video c’era anche Vessicchio.

Davanti ate e ai tuoi ospiti, Carmelita mia, lui si è difeso dicendo che la sua radiazione dall’albo è immotivata. Poi si è messo ad urlare ed insultare contro i tuoi ospiti presenti in studio che gli remavano contro.Barbara D’Urso ordine giornalisti

Vessicchio contro la D’UrsoBarbara D’Urso ordine giornalisti

In preda all’ira, Carmelita mia, Vessicchio se l’è anche presa con te! Tu hai ritenuto corretta la decisione dell’Ordine di espellere l’ormai ex giornalista ed ha iniziato ad attaccarti urlando. Vessicchio sperava in un tuo sostegno in quanto, a suo dire, anche tu saresti stata radiata dall’Ordine dei Giornalisti:

Tu sei buona e cara, Carmelita mia, ma davanti ad un ospite che ti attacca in diretta con tanto di prove sbattute in faccia, hai perso la pazienza. Ma sempre con grande eleganza, quella non ti manca mai, sei riuscita a mettere Vessicchio al suo posto:

“Rispetta la padrona di casa, silenzio, ora mi ascolti. Primo: avevo il tesserino da giornalista che è stato riconsegnato vari anni fa perché facevo della pubblicità in una trasmissione e quindi, con correttezza, l’ho restituito”.Barbara D’Urso ordine giornalisti

“Non sono stata radiata. Secondo: il signor Iacopino mi fece un’azione legale e penale perché secondo lui io non potevo intervistare, in quanto non più giornalista, nessuno. Purtroppo la Procura ha dato ragione a me e Iacopino sta dove sta”.

“E io continuo a fare il giornalista grazie alla sentenza a tuo favore, ti piaccia o no,vale per te e per me”, ha continuato a sbottare Vessicchio, insultando gratuitamente tutti gli ospiti in studio con parole come fascista alla Mussolini, marchetta alla Parietti e raccomandata alla Collavati.

Barbara D’Urso la furia

A Vessicchio non è bastata aver insultato te e aver insultato tutto lo studio, Carmelita mia, no ha continuato a sputare parole velenose contro di te e le tue trasmissioni a suo dire becere:

Barbara D'Urso ordine giornalisti

“Non mi sopporti perché ti dico la verità in faccia. Continui a fare una televisione becera, che parla agli ultimi, una vergogna. Questa è la verità, fai una televisione che non si usa più, non si porta più”.

“Con me non la spunti mai, Barbara, perché io ti metto ko. Nonostante la Parietti, la Collovati, la Mussolini e tutto quel teatrino vergognoso che metti su ogni volta. A me mi devi togliere il microfono, con me vai ko, io ti faccio nera”.

Carmelita mia, tu sei tanto buona e cara, ma guai a mettersi contro di te perchè sei subito pronta a sfoderare i tuoi artigli ed è quello che hai fatto nei confronti di Vessicchio, mettendolo al suo posto:

“Non ti tolgo il microfono. Siccome la mia televisione non si porta più, così come non si portano più quei tuoi capelli, io decido che tu nella mia televisione non ci stai. Salutame a soreta, chiudere, chiudere”.Barbara D’Urso ordine giornalisti

Cosa ne pensate di quanto successo tra Barbara D’Urso e Sergio Vessicchio? A chi date ragione? Continuate a seguirci su SegretoDonna.

Scritto da Sophi Campailla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cosa ne pensi?

Elia attacca Mega

Antonella Elia attacca Taylor Mega a Live: “Sei una pazza, vai rieducata”

Xbox console 2020 TGA

Xbox Series X, l’annuncio “bomba” ai TGA 2019: Ecco la nuova generazione di videogiochi