in

Caro bollette: Tanasi giurista e prof. Universitario guiderà il “Movimento contro il caro bollette luce e gas”

tanasi contro caro bollette

Sarà Francesco Tanasi, giurista e professore universitario a guidare il “Movimento contro il caro bollette luce e gas“, promosso da CODACONS e Consumatori Italiani, contro i maxi-rincari delle bollette di luce e gas.

I cittadini pronti a marcia a Roma protestano e chiedono a procure e Tar di indagare e annullare aumenti

Il Movimento, che protesta da giorni avviando azioni legali quali esposti alle Procure della Repubblica di Roma e Milano in cui si chiede di aprire indagini sulla base della possibile fattispecie di truffa, e di accertare se siano state realizzate sui mercati internazionali e all’ingrosso dell’energia speculazioni che abbiano alterato in modo illecito i prezzi di elettricità e gas, realizzando un danno per famiglie e imprese, ed impugnato al Tar della Lombardia (competente per la materia energetica) le delibere Arera con cui sono stati disposti gli aumenti tariffari di luce e gas per il primo trimestre 2022, è pronto ad una marcia a Roma contro i maxi-aumenti delle tariffe che, in base ai calcoli di varie organizzazioni, potrebbe costare alla collettività fino a 70 miliardi di euro a fine 2022.

Per collettività danno fino a 70 miliardi di euro nel 2022. Effetti su prezzi al dettaglio da +1.474 euro annui a famiglia tanasi contro caro bollette

“Incrementi delle tariffe energetiche che stanno avendo ripercussioni pesantissime per i consumatori, per le imprese e per le attività in ogni settore, determinando un forte rialzo dei prezzi al dettaglio, con l’inflazione che a gennaio è balzata al +4,8% e ricadute per 1.474 euro annui a famiglia in termini di maggiore spesa” – conlude Tanasi.

Scritto da Gaetano Siscaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cosa ne pensi?

Frasi d’amore San Valentino

San Valentino. Ecco 50 messaggi da inviare il 14 febbraio, poesie e frasi divertenti per stupire il proprio partner

grave sperequazione partecipanti

Accesso concorso allievi ufficiali GdF: grave sperequazione fra partecipanti maggiorenni e minorenni, possibilità ricorso al Tar per richiedere sospensiva