in ,

Terrore meduse in acqua, cosa fare se si viene punti

Rimedi puntura medusa

È l’incubo di tutte le vacanze estive al mare: stiamo parlando della tanto temuta medusa! Almeno una volta nella vita si è provata la spiacevole sensazione di dolore e bruciore causata dal contatto con questo animale marino.Rimedi puntura medusa

Comunemente diciamo di essere stati “punti” da una medusa, ma in realtà la medusa non ha nessun pungiglione e pertanto non può pungere. Ciò che urta la nostra pelle sono i suoi tentacoli che costituiti da cnidocisti, piccoli organi urticanti che contengono il veleno per difendersi dai predatori e per paralizzare una potenziale preda.

Rimedi puntura medusa

Entrando in contatto con la pelle umana, questi cnidocisti si attaccano come ventose alla pelle umana, si rompono e rilasciano delle sostanze velenose fortemente irritanti (ipnotossina: anestetica, talassina: infiammatoria, congestina: paralizzante).Rimedi puntura medusa

Tali sostanze velenose provocano una reazione cutanea, paragonabile ad un’ustione chimica di primo o secondo grado e sono termolabili, ovvero si distruggono ad alte temperature.

Sintomi della puntura di medusaRimedi puntura medusa

Lungi da fare terrorismo sulle meduse, non tutte le meduse sono urticanti allo stesso modo. Ve ne sono alcune del tutto innocue per l’uomo ed altre, invece, che possono portare persino alla morte. Fortunatamente le meduse presenti in Italia non sono velenosissime, lo stesso non si può dire – ad esempio – di quelle dei mari tropicali.

Ma cosa succede al nostro corpo quando si viene punti da una medusa? La prima cosa che avvertiamo è un forte senso di bruciore, dolore e pelle arrossata. Dopodiché iniziano ad apparire le prime irritazioni come bolle, vescicole e gonfiore e un forte prurito.

Per far sì che il dolore e il bruciore sparisca del tutto occorrono da una ventina di minuti fino ad un’ora. Talvolta la sensazione di gonfiore e rossore può durare per più giorni, se non addirittura una settimana.Rimedi puntura medusa

Rimedi puntura medusa

Nei casi più gravi, invece, possono verificarsi effetti collaterali come vomito, nausea, febbre, vertigini, spasmi muscolari e mal di testa.

Cosa fare se si avvista una medusa

Quando si avvista una medusa solitamente ci si lascia prendere dal panico, nulla di più sbagliato. Ecco cosa bisogna fare in caso di meduse in acqua:

  • Se avete già notato o vi hanno fatto notare la presenza di meduse, evitate di fare il bagno.
  • Cercate di indossare occhialini o mascherine per poter vedere sott’acqua.
  • Se siete in acqua, vicino alla riva, uscite subito dall’acqua.
  • Se vi trovate al largo, cercate di allontanarvi lentamente per evitare il contatto. In caso di puntura fate segnale al bagnino per farvi aiutare ad uscire dall’acqua.

Cosa fare se si viene punti da una medusa

Per evitare spiacevoli esperienze, bisogna stare attenti a non farsi pungere, ma in caso contrario che cosa fare?

  • Non farsi prendere dal panico ed uscire subito dall’acqua, da soli o con l’aiuto di qualcuno.
  • Assicurarsi che sulla pelle non siano rimaste attaccate dei tentacoli, altrimenti provvedere alla rimozione con una pinzetta. Meglio non staccarle con le mani, perchè potremmo toccarci parti del viso e provocare un’irritazione.
  • Sciacquare la zona interessata con acqua di mare, assolutamente no l’uso di acqua dolce.
  • Applicare un gel al cloruro d’alluminio con una concentrazione del 5%, che serve a lenire il prurito e a bloccare la diffusione delle tossine.
  • Se si registrano sintomi più gravi, recarsi al Pronto Soccorso.
  • Dopo la puntura si può trovare sollievo con dell’acqua con bicarbonato, con dell’aceto bianco oppure con dell’aloe vera.

Cosa non si deve fare

Esistono numerosissimi rimedi della nonna contro le punture di medusa, ma molti di questo sono del tutto inefficaci e potrebbero peggiorare la situazione. Ecco allora quello che non va mai fatto quando si è punti da una medusa:

Rimedi puntura medusa

  • Non usare farmaci a base di cortisone.
  • Non grattarsi con le mani p strofinare della sabbia.
  • Non mettere ghiaccio sulla parte lesa.
  • Non fare pipì sulla ferita.
  • Non applicare ammoniaca.
  • Non esporsi al sole fino a quando la ferita non sarà guarita.

Godetevi le vostre vacanze estive e se avvistate una medusa non fatevi rendere dal panico, ma cercate di prendere il mano la situazione. Continuate a seguirci su SegretoDonna.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Cosa ne pensi?

Sophi Campailla

Scritto da Sophi Campailla

Inps Bankitalia Codacons

Inps-Bankitalia, Codacons: lavoratori hanno perso 27,3% del reddito, effetto su consumi sarà a lungo termine

meno rapporti sessuali quarantena

Sesso e Coronavirus: crollo totale dei rapporti sessuali degli italiani, risponde la ricerca