in ,

Audio Cash Pro: la rivoluzione nel mercato degli audiolibri. Leggerli e venderli non sarà più lo stesso

audio cash pro audiolibri

C’è chi ama sedersi comodamente e leggere un buon libro. Sfogliarne le pagine. Sentirne l’odore. Chi, invece, preferisce immergersi in un ebook. Semplicemente perché più pratico e veloce da rintracciare. La tecnologia, d’altronde, semplifica.

E chi, dal canto suo, si diletta lasciando che qualcuno gli racconti la storia a voce. E’ quello che accade con gli audiolibri. Sono loro i veri protagonisti di quest’ultimo periodo trascorso in casa.

audio cash pro audiolibri

La quarantena a causa dell’emergenza Coronavirus si è rivelata l’occasione giusta per riscoprire il piacere della lettura, ma in maniera alternativa. audio cash pro audiolibri

Per capirne di più, noi di SegretoDonna abbiamo fatto due chiacchiere con Giuseppe che, insieme a Dario, ha dato vita ad Audio Cash Pro, un’estensione che facilita il lavoro di chi desidera pubblicare e vendere un audiolibro.

Vantaggi e mercato

Esperto in materia, Giuseppe ci ha spiegato come sta cambiando questo settore oggi.

Le persone durante l’isolamento causato dal Covid-19 hanno riscoperto passioni che, a causa della vita frenetica, non hanno mai avuto il tempo di coltivare.

Una di queste è l’ascolto di libri, soprattutto formativi. In molti hanno scoperto la lettura ad alta voce, quel piacere della narrazione che reclamano sempre i bambini e che sta entrando nelle abitudini degli italiani.

Audible di Amazon, all’inizio dell’emergenza Covid-19, ha lanciato l’iniziativa #AcasaconAudible con centinaia di titoli gratuiti a disposizione senza alcuna registrazione, e a cui hanno aderito tanti editori, agenti, autori“.

Questo succede perché, rispetto a un libro tradizionale, l’audiolibro gode di vantaggi inediti. “L’ascolto richiede uno sforzo minore rispetto alla lettura – spiega l’esperto – Chi vorrebbe dedicare più tempo alla letteratura ma non può per difficoltà visive, ad esempio, con l’audiolibro non fa sforzi.

L’ascolto non richiede una concentrazione totale: si può ascoltare un audiolibro mentre si svolgono altre faccende. Gli audiolibri formativi vengono ascoltati in radio mentre ci si reca a lavoro. C’è anche chi li ascolta mentre lava i piatti o mette in ordine la casa rendendo il tutto meno monotono.

Mettono in forma: c’è chi preferisce ascoltare un audiolibro mentre svolge attività motorie.

audio cash pro audiolibri

Gli audiolibri coinvolgono tutti: dai più grandi ai più piccoli. Il mercato è vasto perché le persone sono più predisposte all’ascolto. Inoltre, puoi portarli sempre con te e ascoltarli quando desideri: il formato digitale ne permette la fruizione in qualsiasi momento attraverso lo smartphone.

Infine, emozionano: alcuni audiolibri sono narrati da attori, e a volte questi lasciano il segno! Basta un click per tornare a rivivere quelle sensazioni o per viverne altre con i libri che hai sempre amato ma mai ascoltato“.

E in Italia? “Gli audiolibri sono un trend ormai confermato negli ultimi due anni. Secondo i dati 2019 di una ricerca Nielsen per Audible, il 44% delle persone che ascoltano audiolibri, lo fa con una frequenza media di ascolto di 1,7 volte al mese.

Il 37% ascolta gli audiolibri per rilassarsi, il 24% per curiosità, mentre il 22% ascolta un libro che non aveva intenzione di leggere. Quindi, possiamo dire che il Coronavirus è stata la miccia che ha acceso un fenomeno già presente“.

Audio Cash Pro: come funziona?

Proprio con lo scopo di cavalcare l’onda, all’interno di un mercato che si fa sempre più dinamico e in continua espansione, Giuseppe e Dario hanno ideato Audio Cash Pro: “Già da alcuni anni le previsioni future sono davvero ottime. Già prima dell’avvento dell’audiolibro, in realtà, l’attività del self-publishing ha suscitato l’interesse di molti.

L’attività del self-publisher consiste nel trovare un topic, svilupparlo (o farlo sviluppare da Agenzie di Scrittura) e pubblicarlo tramite canali specializzati nella pubblicazione e distribuzione, come, ad esempio, Amazon fa con i Kindle, i libri cartacei e gli audiolibri.

L’attività del self-publisher è, in via semplicistica, paragonabile a quella di una casa editrice: si fa un’analisi di mercato, si trova un argomento che si ritiene interessante per il pubblico, lo si sviluppa, si crea una copertina, lo si impagina e lo si pubblica.

Abbiamo creato Audio Cash Pro proprio per facilitare l’analisi di mercato direttamente sulla piattaforma Audible di Amazon.

audio cash pro audiolibri

L’estensione – continua il nostro esperto – permette di visualizzare il ranking degli audiolibri su Audible (sales Audible rank). In questo modo, il self-publisher può velocemente intuire l’entità della domanda di mercato rispetto ad un determinato tema, e guadagnare royalties su ogni vendita.

Audio Cash Pro, però, è una suite completa perché, oltre a mostrare i ranking di ogni audiolibro, permette anche di conservare i primi 15 titoli e rispettivi ranking in un file Excel, così da monitorarne la variazione della domanda e puntare su keywords più profittevoli a lungo termine.

Infine, Audio Cash Pro calcola automaticamente le royalties maturate su ACX, il portale che gestisce le pubblicazioni degli audiolibri destinati ad essere venduti su Audible“.

L’estensione è compatibile con tutti i sistemi operativi. Gli aggiornamenti, peraltro, sono gratuiti per un anno. Ed è sicura al 100%, non richiede accessi. Bastano pochi clic per installarla. I risultati? Accurati, e assicurati.

Se desiderate pubblicare un audiolibro senza imbattervi in sbavature ed incertezze, acquistate Audio Cash Pro sul sito www.audiocashpro.com. Sfruttate l’occasione. Perché saper ascoltare è importante. Ma anche farsi ascoltare richiede impegno.

audio cash pro audiolibri audio cash pro audiolibri audio cash pro audiolibri

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Cosa ne pensi?

Coronavirus produzione anticorpi

Coronavirus, è ufficiale: i pazienti guariti sviluppano anticorpi

Tramonto soldi contanti

Coronavirus: dovremo dire addio ai contanti? Ecco il destino di monete e banconote