in ,

Sub prelevato da Canadair: il racconto del sopravvissuto

canadair sub incendi sicilia

E’ successo in Sicilia, dove nelle ultime settimane la terra ha sofferto a causa dei diversi incedi dolosi.

Accanto alle storie dei pompieri che eroicamente hanno lavorato per 48 ore di seguito, accanto a retroscena sconcertanti come quello dei gatti usati per appiccare i roghi, spunta ora una nuova storia che ha dell’incredibile.  canadair sub incendi sicilia canadair sub incendi sicilia 

canadair sub incendi sicilia

[ad id=”2888″]
[ad id=”2888″]

La passione per le immersioni, un’uscita in mare come sempre e il dramma che stava per trasformarsi in tragedia: protagonista e vittima, allo stesso tempo, è Giovanni T., un operaio di 34 anni di Termini Imerese che è stato prelevato da un Canadair e gettato sulle fiamme.

[ad id=”2888″]
[ad id=”2888″]
[ad id=”43″]

Niente paura, Giovanni è vivo. Giovanni è salvo. Giovanni racconta quanto accaduto: “Stavo facendo un’immersione nelle acque del trapanese, al largo delle isole Egadi.

Generalmente non mi allontano troppo dalla riva ma quel giorno, senza rendermene conto, mi sono allontanato molto di più. Di solito non uso palloncini o altri segnalatori, e so che questo ha influito negativamente, il pilota del Canadair non avrebbe mai potuto vedermi, inoltre mi ero immerso in acque vietate ai bagnanti e ai sub.

Ho ricordi un po’ confusi, ma ho ancora impressa nella mia mente un’immagine. Stavo risalendo a galla quando all’improvviso ho notato dei vortici nell’acqua.


Il mare era diventato schiumoso all’improvviso e avvertii una corrente fortissima che mi stava trascinando. Non capii proprio nulla di quello che stesse succedendo – riporta Sky24ore.it -. Ricordo che a un certo punto fu come se fosse arrivata la notte.

Ci volle qualche minuto per capire che mi trovavo su un mezzo di trasporto. Me ne resi conto perché riconobbi il rombo del motore e perché andai a sbattere sulla lamiera del velivolo. Ma all’inizio pensai che si trattasse di una nave, o comunque di un mezzo marino .

Non potevo di certo immaginarmi di essere finito su un aereo. Lo capii solamente quando rividi la luce. In quel momento il Canadair stava scaricando l’acqua sul fuoco e io, nonostante cercai istintivamente un appiglio, fui sbalzato a terra. Non ricordo null’altro. So soltanto che mi sono salvato grazie alla tuta da sub, impregnata di acqua, e grazie all’ossigeno che mi era rimasto nella bombola”.

Il sub ha riportato qualche ustione e qualche frattura ma, nonostante ciò, si riprenderà e l’importante è poter raccontare quanto successo. Chi lo ha rinvenuto parla di un corpo completamente carbonizzato che non dava alcun segno di vita.

I medici gli hanno dato una prognosi di due mesi, prognosi dovuta alle 5 fratture scomposte che ha riportato (la più grave ad una costola) e alle ustioni di secondo grado che ha sul 60% del corpo.

Ma nonostante tutto, nonostante la paura, il dramma, il volo, l’incendio: Giovanni è vivo e può ritenersi, davvero, un miracolato.

[ad id=”43″]
[ad id=”2888″]
[ad id=”2888″]

Peccato, però, che nonostante la storia che sta circolando sul web a distanza di ore sembrerebbe che sia tutta una bufala inventata.

Pare che i bocchettoni siano troppo piccoli per prelevare un corpo umano.

canadair sub incendi sicilia

L’acqua nel Canadair viene caricata dinamicamente. Questo significa che il caricamento avviene in corsa, strisciando il fondo del velivolo sulla superficie dell’acqua. Quando il velivolo carica, si aprono due bocchette (probes) di forma quadrata della dimensione di circa 15cm.Si può paragonare ad una piccola scatola per scarpe, con dentro una griglia reticolata.

L’obiettivo della griglia è evitare che nel circuito entrino detriti (tipo pezzi di legno) che poi possono ostruire o addirittura bloccare l’apertura dello scarico, e danneggino gli impianti.  Ci sembra difficile  far passare un animale o un essere umano in un reticolo di 5 centimetri.

canadair sub incendi sicilia

Quindi  Giovanni esiste o è solo “finzione”? canadair sub incendi sicilia canadair sub incendi sicilia canadair sub incendi sicilia canadair sub incendi sicilia canadair sub incendi sicilia

Voi cosa ne pensate care amiche di SegretoDonna?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Cosa ne pensi?

Avatar

Scritto da Aski Cocu

sesso calo desiderio uomini donne

Desiderio maschile e femminile: ecco le differenze

Versa l’olio della scatoletta di tonno in mare: la lite