in ,

Pos, Tanasi (Codacons): bene multe per esercenti, misura attesa da 7 anni

pos multe esercenti

Esulta il Segretario Nazionale Codacons Francesco Tanasi per l’approvazione alla Camera dell’emendamento al dl Recovery che introduce per i commercianti una multa di 30 euro più il 4 per cento del valore della transazione per la mancata accettazione di pagamenti con bancomat o carte di credito. pos multe esercenti

“Si tratta di una battaglia storica del Codacons che da ben 7 anni chiedeva a Governo e Parlamento di prevedere sanzioni per quei negozianti che impediscono ai propri clienti di pagare con carte e bancomat – afferma Tanasi – Già a partire dal 2014, grazie al decreto legge numero 179/2012 del Governo Monti, era stato introdotto in Italia l’obbligo per negozianti e professionisti di accettare i pagamenti con Pos, misura poi confermata ed estesa a partire dall’1 luglio 2020 dal decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio (n. 124/2019).

In assenza di sanzioni danni per consumatori e del tutto vanificato obbligo di Pos per negozianti e professionisti pos multe esercenti

Nessuna delle due norme, tuttavia, aveva introdotto sanzioni per gli esercenti che rifiutavano pagamenti con carte e bancomat. Questo ha portato ad una situazione paradossale in cui ancora oggi numerosi negozianti in tutta Italia, pur possedendo il Pos, impediscono ai clienti di pagare con moneta elettronica, consapevoli che non andranno incontro ad alcuna multa.

Ora – continua Tanasi – finalmente le cose potrebbero cambiare e, grazie alle sanzioni per chi rifiuterà i pagamenti digitali, sarà possibile rendere davvero efficace la misura che introduce l’obbligo per gli esercenti di accettare i pagamenti con Pos”.

Scritto da Gaetano Siscaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cosa ne pensi?

Valentina Bissoli doccia

Valentina Bissoli infiamma Instagram: le foto sotto la doccia fanno letteralmente impazzire i fan

vaccinati terapia intensiva

Sempre più vaccinati e con terze dosi in terapia intensiva: in tanti manifestano seri dubbi. Crisanti: «Non abbiamo dati» sulla campagna eterologa