in ,

Infiorata di Noto: anche quest’anno la città barocca fiorisce

Ogni anno, la terza domenica di maggio, la bellissima città di Noto ospita l’Infiorata. Infiorata Noto città barocca 

infiorata-noto

 

Si tratta di una incredibile manifestazione nata 37 anni fa, grazie ai due artisti infioratori Genzanesi e Netini.

Via Corrado Nicolaci è la via dove nasce l’infiorata. L’impatto visivo è forte: in alto la Chiesa di Montevergini, che si contrappone al palazzo del Principe Nicolaci “Villa dorata”, i cui balconi sono considerati tra i più belli del mondo.

Oggi l’infiorata di Noto è considerata tra le più belle manifestazioni dell’intera Isola. Infiorata Noto città barocca 

[ad id=”43″]

Programma

infiorataL’Infiorata si svolgerà dal 19 al 21 maggio 2017.

Sabato 20, durante il pomeriggio, gli artisti tracceranno le sagome dei riquadri da rappresentare, ispirati a tematiche sempre diverse.

La domenica mattina sarà già possibile ammirare le bellissime composizioni floreali.

Tre giornate ricche di colori ed emozioni, per una full immersion in una delle più belle città siciliane, accompagnati dal profumo delle bellissime varietà esposte.

 

[ad id=”43″]

La storia

La tradizione delle decorazioni floreali nasce a Roma nella prima metà del XVII secolo, come espressione della cosiddetta festa barocca. Infiorata Noto città barocca 

Si ritiene, infatti, che la tradizione di creare quadri per mezzo di fiori fosse nata nella basilica vaticana a opera di Benedetto Drei –responsabile della Floreria vaticana – e di suo figlio Pietro.

Stando alla tradizione, i due avrebbero usato “fiori frondati e sminuzzati” a emulazione di un mosaico riguardante la festa dei santi Pietro e Paolo. Infiorata Noto città barocca 

La tradizione dell’Infiorata arriva a Noto nel 1980, anno della prima manifestazione.

Vuoi tenerti sempre aggiornata su ciò che accade intorno a te? Continua a seguirci su SegretoDonna.com!

Federica Maneli scrittrice abusiva

Federica Maneli: “scrivo da quando ho imparato a farlo”

Yazawa manga nana 2017

Nana: il ritorno di Ai Yazawa