in ,

Covid, le autopsie su due adolescenti morti dopo il siero: «risposta immunitaria eccessiva con un danno miocardico diverso dalla miocardite tipica»

danno miocardico

Care amiche e amici di SegretoDonna, uno studio pubblicato sulla rivista Archives of Pathology and Laboratory Medicine, riporta i risultati dell’indagine clinica e autoptica su due ragazzi adolescenti morti nel sonno 3 e 4 giorni dopo la seconda dose di vaccino anti-Covid Pfizer: «il danno miocardico osservato ha un aspetto istologico simile alla cardiomiopatia da stress mediata da catecolamine e alla grave infezione da SARS-COV-2». L’obiettivo dello studio era determinare se la miocardite descritta in questi casi avesse l’istopatologia (le alterazioni strutturali dei tessuti) tipica della miocardite.

L’esame microscopico ha rivelato caratteristiche simili a una lesione indotta da catecolamine, non tipica patologia della miocardite. «Il danno miocardico osservato in questi cuori post-vaccino è diverso dalla miocardite tipica e ha un aspetto molto simile a una cardiomiopatia da stress mediata da catecolamine», sono le conclusioni dello studio.

Entrambi i ragazzi sono stati dichiarati morti in casa senza tentata rianimazione. Il ragazzo A lamentava mal di testa e disturbi gastrici, ma si sentiva meglio al terzo giorno dopo il vaccino. Non c’erano precedenti problemi medici o precedente infezione da SARS-COV-2. Il ragazzo B non ha avuto disturbi, precedenti problemi di salute o precedenti infezioni da SARS-COV-2. Nessuno dei due ragazzi ha lamentato febbre, dolore toracico, palpitazioni o dispnea. Le autopsie erano irrilevanti, ad eccezione dell’obesità in un ragazzo e dei risultati cardiaci. Risultati cardiaci unici includevano la fibrosi miocardica nel ragazzo A e l’ipertrofia cardiaca nel ragazzo B. I test tossicologici forensi estesi sono risultati negativi per abuso di farmaci e droghe», si legge nello studio.

«La miocardite è una malattia infiammatoria del miocardio, che può manifestarsi isolatamente o come parte di disordini immuno-mediati multiorgano/sistemici o reazioni a sostanze esogene/endogene. Le eziologie sono varie e comprendono cause infettive e non. Le cause non infettive includono cause immuni/autoimmuni (autoantigeni, associazione con malattie immuno-mediate, alloantigeni e allergeni), farmaci/sostanze tossiche (ad es. ipersensibilità o effetti tossici diretti) e altre cause (ad es. radiazioni e punture di insetti, morsi di serpenti)», spiegano gli autori.

«Entrambi i ragazzi avevano presentazioni cliniche simili senza sintomi cardiaci evidenti. La loro istopatologia non mostra una tipica miocardite. Lo schema di lesione è simile a quello che si osserva nel miocardio di pazienti a cui è clinicamente diagnosticata una cardiomiopatia “da stress”, che è una lesione miocardica temporanea che può svilupparsi in pazienti con fattori di stress fisici, chimici o talvolta emotivi estremi», riporta lo studio.

«Sospettiamo che i cambiamenti cardiaci acuti osservati in questi due ragazzi siano il risultato di effetti mediati dall’adrenalina sui cardiomiociti. Questi eventi hanno generalmente una prognosi favorevole, tuttavia, alcuni pazienti possono morire per la causa di base (non cardiaca) dei risultati miocardici. Questa reazione post-vaccino può rappresentare una risposta immunitaria eccessivamente esuberante e il danno miocardico è mediato da meccanismi immunitari simili a come descritto con SARS-COV-2 e le tempeste di citochine della sindrome infiammatoria multisistemica (MIS-C). La MIS-C è una malattia sistemica rara che si presenta con febbre persistente e infiammazione estrema in seguito all’esposizione a SARS-CoV-2. I bambini affetti hanno febbre persistente e possono avere dolore addominale acuto con diarrea o vomito, dolore/malessere muscolare e ipotensione. Altri sintomi segnalati includono eruzioni cutanee, ingrossamento dei linfonodi e gonfiore», scrivono gli autori dello studio.

«Nonostante un’indagine molecolare, l’eziologia della fibrosi nel caso A non è chiara. È ipotizzabile che questo processo sia iniziato con la prima dose di vaccino e che gli effetti miocardici iniziali si siano risolti e siano guariti nel tempo. La seconda dose potrebbe aver riavviato il processo. Ci si potrebbe aspettare qualche cicatrizzazione/riparazione dopo alcune settimane, sebbene la cicatrizzazione nel Caso A appaia più organizzata rispetto all’intervallo di tre settimane tra le dosi di vaccino. Inoltre, è solo in uno dei casi. Rimane possibile che la fibrosi rappresenti una cardiomiopatia aritmogena. Sfortunatamente, il test molecolare cardiaco era equivoco. Indipendentemente dall’eziologia della fibrosi, l’entità della cicatrizzazione di per sé è potenzialmente aritmogena e può essere un fattore che contribuisce al danno miocardico acuto post-vaccino. Allo stesso modo, l’ipertrofia cardiaca nel caso B potrebbe aver reso il cuore più suscettibile a un’aritmia. Il punto chiave è che poiché questi ragazzi sono morti improvvisamente e inaspettatamente nel sonno senza rianimazione, se l’aritmia fosse stata dovuta alla cicatrice miocardica (Ragazzo A) o alla cardiomegalia (un aumento delle dimensioni del cuore, ndr) (Ragazzo B), il danno miocardico globale fulminante non sarebbe un risultato atteso. Queste due storie cliniche supportano l’eziologia del danno miocardico acuto come fattore primario», spiegano gli autori dello studio.

«La tempesta di citochine è stata descritta con una risposta infiammatoria eccessiva e incontrollata e c’è un ciclo di feedback tra catecolamine e citochine. Le complicanze cliniche possono includere compromissione cardiaca, distress respiratorio e ipercoagulazione. Il danno miocardico osservato in questi cuori post-vaccino ha un aspetto istologico simile alla cardiomiopatia da stress mediata da catecolamine e alla grave infezione da SARS-COV-2, inclusa la miocardite associata alla sindrome da rilascio di citochine. Il riconoscimento che questi casi sono diversi dalla miocardite tipica e che la tempesta di citochine ha un noto ciclo di feedback con le catecolamine può aiutare a guidare lo screening, la diagnosi e la terapia», concludono gli autori dello studio.

Scritto da firedream79

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cosa ne pensi?

-3 points
Upvote Downvote
bacio soleil delia

Scandaloso bacio tra Delia e Soleil: pubblico infuriato. Atmosfera “hot” al Grande Fratello VIP per chi se lo fosse perso

katia spataro

Katia Spataro 12enne morta nel sonno improvvisamente. Le zia: «Mia nipote morta, lungo calvario iniziato dopo il v*»