in ,

Ucraina, ‘rissa’ in diretta tra Borgonovo e la piddina Pina Picierno che perde il controllo

borgonovo e picierno

Care amiche e amici di SegretoDonna, a L’Aria che Tira si stava parlando di Liberazione, resistenza e pace, quando scoppia la ‘rissai tra Pina Picierno, vicepresidente del Parlamento europeo, che ha ricordato il valore e l’importanza della Festa del 25 aprile e il giornalista de La Verità, Francesco Borgonovo. Borgonovo ha espresso il suo disaccordo in maniera particolare: «Sul 25 aprile stiamo proiettando una serie di nostre paturnie interne che nulla c’entrano con il conflitto in Ucraina».

«Come con il Covid, non si ragiona e ci si basa sull’emotività. Vedo cose grottesche come dire che a Kiev si canta ‘Bella ciao’, e magari erano persone con le svastiche. Sono cose ridicole – continua Borgonovo – quelli nell’acciaieria di Azvostal forse avrebbero sparato qualche fucilata durante la Resistenza. Se la Z è diventato un simbolo paneuropeo ditelo… o se i nazisti sono buoni quando servono…».

In sottofondo, come spesso accade in queste trasmissioni per impedire qualsiasi ragionamento, l’incessante borbottio della Picierno che non si trattiene e finisce per perdere il controllo: «Ma dove stanno questi nazisti?! Evitiamo almeno la disinformazione. Non possiamo utilizzare le televisioni italiane come propugnatori di propaganda russa… Almeno questo… i nazisti in Ucraina non ci sono!».

Il giornalista chiede, allora, di non essere interrotto: «Come impiegare le televisioni italiane non lo decide lei… posso parlare o parla solo la Picierno? Nazisti e ultranazionalisti ci sono eccome in Ucraina… la sinistra italiana ha cambiato posizione più volte, spesso è emotiva e lo abbiamo appena visto dalla Picierno». Interviene allora la conduttrice Myrta Merlino: «Perché emotiva? Picierno ha espresso un dato di fatto: c’è un aggressore e un aggredito». La vicepresidente soverchia tutti con la voce: «È inaccettabile ripetere la propaganda di Putin, almeno non fatelo in mia presenza!».

E Borgonovo, senza essere riuscito ancora a completare il suo pensiero, attacca ancora: «Faccia così, Picierno: si chiuda le orecchie (porta pure le mani all’altezza dei padiglioni auricolari, nda), così io concludo. Molto democraticamente come all’asilo… parla ancora?! No, niente non ce la farò mai!». E la Merlino non sapendo più come impedire a Borgonovo di completare il suo ragionamento, come di consueto in questi casi, manda la pubblicità.

Scritto da firedream79

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cosa ne pensi?

orsini attacca draghi

Orsini: «Draghi è un burattino di Biden. L’Italia deve rendersi disponibile al riconoscimento del Donbass»

Agrigento: da Codacons Sicilia, Codacons Nazionale e MPCI solidarietà a Giuseppe Di Rosa