in ,

“Non è amore se fa male”. Ricordando il sorriso di Noemi

“Non è amore se colpisce, non è amore se fa male”. Lo scriveva Noemi Durini nel suo ultimo post su Facebook. omicidio Noemi Durini

[ad id=”2888″]
[ad id=”2888″]

Lei, che nell’ingenuità dei suoi 16 anni all’amore ci aveva sempre creduto. Appariva sorridente nelle foto che la ritraevano con il suo assassino. Lei, che sognava una fuga d’amore e che mai avrebbe pensato di trovare la morte all’alba di quella grigia mattina. omicidio Noemi Durini

noemi durini

“Abbiamo detto per sempre e per sempre sarà” “Non ve lo darei neanche se lo avessi doppio”.

[ad id=”2888″]
[ad id=”2888″]
[ad id=”43″]

“Abbiamo detto per sempre”

Scriveva che sarebbe stato per sempre mentre abbracciava quel ragazzo. 17 anni, tanta rabbia e tanta violenza in corpo. Quel mostro che con tanta crudeltà l’ha strappata alla vita, distruggendo per sempre i suoi sogni e quelli delle persone che le volevano bene.

noemi durini

Era piena di vita Noemi. Capelli biondi, viso allegro, quello di una ragazzina che va a scuola e vive di tutte le cose semplici che accompagnano l’età.

Seppellita con delle pietre

È questo l’epilogo della storia d’amore in cui lei tanto credeva. Contro tutto e tutti, persino contro i suoi genitori che avevano scorto i segni di un amore malato.


Sognava la fuga: i due avevano progettato di andare a vivere a Milano una volta maggiorenni. Ed è questo l’espediente che il piccolo killer ha usato per difendersi. Stando alle sue ricostruzioni, quella mattina aveva incontrato Noemi per dissuaderla dal piano malato che avevano elaborato insieme, quello di uccidere la famiglia di lui per poter vivere in serenità la loro intensa storia d’amore.

Oggi, a piangere sono proprio le due famiglie. La prima, che deve affrontare l’idea di un figlio colpevole di omicidio, e quella di Noemi che si è svegliata una mattina con la consapevolezza di non poter più riabbracciare la sua bambina.

Ad appesantire i colpi da incassare le bugie di lui, che ha raccontato di aver ucciso Noemi con lo stesso coltello con cui lei avrebbe voluto uccidere coloro che ostacolavano quell’amore.

[ad id=”43″]
[ad id=”2888″]
[ad id=”2888″]

Non è la prima volta che la vita di una donna viene stroncata dalla persona che aveva scelto di amare. È già successo che una donna venisse ingannata, uccisa, pugnalata dall’uomo che l’aveva conquistata con baci e carezze. omicidio Noemi Durini

Baci, che hanno lasciato posto ai lividi e che sono stati ricoperti dalle lacrime. Quelle delle donne, quelle di chi può solo ricordare, forse anche con rabbia, che qualcuno una mattina ha deciso di porre fine alla vita di una ragazzina di 16 anni. omicidio Noemi Durini

lettera neonato genitori mamme

La meravigliosa lettera di un ospedale ai neo genitori

“In volo il peso non conta.” : Si alle hostess curvy. Le dipendenti Aerflot vincono la battaglia.