in ,

Mestruazioni: 10 cose da NON fare assolutamente!

Ciclo mestruale cosa vietaCiclo mestruale cosa vietatete

Una volta al mese il nostro organismo viene bombardato di sbalzi d’umore, irascibilità, dolori, crampi, sensibilità ecc. Ciclo mestruale cosa vietate

Non importa avere il ciclo da quasi mezzo secolo (di norma una donna ci convive per circa 40 anni), difficilmente ci abituiamo al dolore e al fastidio che esso comporti. Ciononostante è importante sapere che puoi sempre condurre una vita normalissima, basta adattarti ad alcuni piccoli accorgimenti. Scopriamo insieme quali!

L’acido acetilsalicilico

Quando si ha il ciclo mestruale è da abolire l’assunzione dell’aspirina perché essa ha il compito di rende il sangue più fluido. Pertanto se hai dolori di vario genere, evita questi farmaco e piuttosto prendi qualcosa di più naturale, come il sambuco.

Posizioni inverse

Cerca di non assumere posizioni inverse all’andamento del tuo ciclo, insomma evita di stare a candela, avresti più capogiri e impediresti al flusso mestruale di scorrere con fluidità.

Lo sport Ciclo mestruale cosa vietate

Molte di noi non riesco ad allenarsi o fare attività sportiva in pieno ciclo, non solo perché si hanno dolori, ma perché ci sentiamo più giustificate nel non farlo. Niente di più sbagliato, anzi, più esercizio fai e più il tuo corpo allontanerà l’idea del ciclo mestruale non solo dalla tua pancia, ma anche dalla testa. Inoltre se fai sport ridurrai considerevolmente lo stress e l’ansia, sintomi principali delle mestruazioni.

Il sale e lo zucchero

Il ciclo mestruale già di per sé causa ritenzione idrica, immaginate se allo stesso tempo mangiate salato. Ovviamente tutto ciò comporta un aumento del volume e del dolore all’addome. Stesso discorso vale per gli zuccheri! Assumerli comporterebbe un aumento ulteriore di zuccheri nel sangue che di certo bene non fare. Piuttosto meglio il fruttosio!

I latticini Ciclo mestruale cosa vietate

I formaggi in generale sono spesso pro infiammatori, per tale motivo non solo potrebbero aumentare il gonfiore, ma anche i crampi…

La depilazione

Durante le mestruazioni si ha un calo di estrogeni ciò significa che hai una soglia del dolore molto più bassa, poiché il tuo corpo diventa più sensibile. Basta pensare ai tuoi capezzoli indolenziti.

Tenere troppo tempo l’assorbente

È assolutamente sconsigliato tenere un qualsiasi assorbente per più di 8 ore messo. Di norme anzi dovrebbe essere cambiato ogni 3 o 4 ore massimo, ciò non solo per evitare i cattivi odori, ma anche il manifestarsi di infezioni o infiammazioni. Stesso discorso viene fatto anche per gli assorbenti interni o la coppetta mestruale.

Film tristi

Durante il ciclo mestruale siamo già abbastanza sbilanciate “ormonalmente” parlando, pertanto sbalzi d’umore e emozioni sono amplificate di per sé. Insomma, non carichiamoci ulteriormente…

Falsi miti Ciclo mestruale cosa vietate

Ciclo mestruale cosa vietate

Quelli elencati sopra hanno dei fondamenti scientifici e psicologici, poi è ovvio che ognuno conoscere meglio il proprio corpo e sa come adattarsi al meglio a tale situazione. Ciononostante non dimenticate mai che il ciclo per quanto doloroso non è una punizione o un impedimento, pertanto non deve essere considerato come una cosa limitativa, anzi. In passato si pensava che una donna con il ciclo non potesse farsi il bagno, o lo shampoo o toccare le piante altrimenti appassirebbero e nemmeno montare la panna perché diventerebbe acida. Ovviamente questi esempi sono del tutto sbagliati, basti pensare che ancora in India, alla donna non è concesso entrare in chiesa perché vista come sporca… Ciclo mestruale cosa vietate

 

Continuate a seguirci sempre qui, su: SegretoDonna!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Cosa ne pensi?

gf vip nuovo conduttore

Grande Fratello Vip, spuntano i primi nomi ed è già scandalo

Coronavirus dormiente

Il Coronavirus è sempre stato tra noi ma dormiente, la nuova teoria sull’origine della pandemia