in ,

Ucraina, il generale Tricarico ai microfoni di RadoRadio: «Tutti i Paesi Nato stanno tradendo il patto Nord Atlantico, bisogna lavorare sulla tregua, basta incendiari»

tricarico promuove tregua

Care amiche e amici di SegretoDonna, l’ex Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Leonardo Tricarico ai microfoni di RadioRadio pragmaticamente spiega come il nostro Paese dovrebbe fare di tutto affinché la guerra cessi: «Non è solo la posizione – ultimamente dal sapore eretico – di chi non vuole foraggiare un conflitto potenzialmente molto pericoloso; ma anche ciò che sta scritto nel patto fondamentale della Nato, più precisamente nell’articolo 1 del trattato Nord Atlantico». tricarico promuove tregua

Il generale rivendica che: «tutti i Paesi Nato stanno tradendo il patto Nord Atlantico, ogni volta che la Nato prende una decisione ogni paese è libero e non è obbligato a partecipare – continua – io non capisco l’appiattimento acritico di seguire il mainstream senza fare domande». Questo perché il pericolo che il tutto degeneri è concreto e non ascrivibile alla sola volontà degli Stati Uniti, che tra l’altro continuano a elargire dichiarazioni al vetriolo nei confronti del rivale russo: «sembra normale che gli Stati Uniti, il maggiore ‘azionista’ della Nato, attraverso il loro segretario della Difesa, possano affermare che ‘andremo avanti fino a quando non indeboliremo Putin’ quando saremmo tenuti, invece, con mezzi pacifici ad evitare questa guerra?». tricarico promuove tregua

Bisogna fare finire il conflitto e basta incendiari tricarico promuove tregua

Il generale ai microfoni di Adnkronos aveva già rivendicato una maggiore autonomia decisionale europea rispetto al recente «appiattimento mainstream su posizioni statunitensi – e poi ancoraInvece di parlare di estensione del conflitto alla Nato bisogna fare in modo che questo conflitto termini e non vedo l’impegno di nessuno, anzi».

L’ex capo di Stato maggiore dell’Aeronautica e attuale presidente della fondazione Icsa in merito alle parole del professor Alessandro Orsini secondo cui l’Italia dovrebbe rimanere neutrale se la Russia dovesse colpire un paese della Nato: «Neutralità? Dissento senza riserve. E credo che prima di mettere in pratica dall’una e dall’altra parte le minacce di un’estensione del conflitto alla Nato, bisogna fare in modo che questo conflitto termini. E da questo punto di vista non vedo l’impegno di nessuno, anzi vedo tutta una serie di incendiari che fanno esattamente l’opposto».

«Prima di tutto il nostro Paese dovrebbe fare di tutto, e non mi risulta che lo stia facendo, affinché il conflitto possa cessare. Quando dico fare di tutto significa concertare con altri Paesi europei, in particolare Francia e Germania, una posizione comune nei confronti della schiera di Paesi guerrafondai, con in testa gli Stati Uniti affinché la smettano, affinché promuovano una tregua e i negoziati, pena una turbativa nei rapporti con gli Usa».

«E se dovesse scattare l’art. 5 del trattato atlantico in base al quale si attiverà la solidarietà atlantica, allora si potrà discutere in aderenza ai concetti fondanti della Nato, che prevedono in tutto la volontarietà, e a quel punto l’Italia potrà dire se vorrà essere solidale o rimanere alla finestra – ha concluso Tricarico – E potrà farlo dopo un ampio dibattito a livello di opinione pubblica e anche istituzionale. Una decisione non semplice, che non si può prendere d’istinto».

Scritto da firedream79

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cosa ne pensi?

mazzucco ucraina

Massimo Mazzucco denuncia: ‘Ucraina l’altra verità’ svelata nel nuovo documentario su YouTube

guerra ucraina fiducia famiglie

Guerra in Ucraina e caro-prezzi affossano la fiducia delle famiglie