in ,

Sciopero tabaccai: «Non controlleremo il Green pass ai clienti»

Sciopero tabaccai

Care amiche e amici di SegretoDonna, i tabaccai hanno deciso di protestare contro l’obbligo di Green pass che scatterà, per la categoria, a partire dal 1 febbraio 2022. La giunta nazionale della Federazione Italiana Tabaccai, contraria ad un’imposizione considerata ingiusta, ha così deciso di organizzare un sciopero: serrande abbassate per dire no al decreto del 21 gennaio con il quale il governo Draghi imporrà loro di controllare il certificato verde a chiunque entri all’interno degli esercizi. sciopero tabaccai

Non è ancora stabilito il giorno in cui le serrande resteranno abbassate per tutti i tabaccai aderenti alla protesta, ma nessuno vuole rispettare le nuoce regole. Nel frattempo continua il confronto con l’esecutivo. «Abbiamo avviato una trattativa con il governo – ha spiegato il presidente nazionale della Federazione, Giovanni Risso, alle pagine de Il Tempo – In particolare, a breve incontreremo il sottosegretario alla salute Andrea Costa che ha mostrato attenzione alle nostre rivendicazioni». sciopero tabaccai

«Capiamo l’importanza del Green Pass come ostacolo al diffondersi dei contagi e, soprattutto, come stimolo alla vaccinazione anche per i più recalcitranti – ha aggiunto Risso – Non ne facciamo quindi una questione di principio ma di buonsenso. Buonsenso, perché in tabaccheria entrano 13 milioni di italiani al giorno non solo per comprare le sigarette ma, soprattutto, per pagare le bollette, ritirare un pacco o comprare i biglietti dei bus locali. Clienti che già ora, con le regole attuali e date le ridotte dimensioni delle tabaccherie italiane, entrano uno alla volta, rispettando pazientemente il proprio turno. Come si può non immaginare il caos che l’obbligo di controllo del Green Pass porterà?».

La preoccupazione quindi è che «piuttosto che fare la fila per acquistare un pacchetto di sigarette legali ci si rivolgerà al mercato clandestino, in mano a chi certamente non è interessato al possesso del Green Pass? Perché non tenere nella giusta considerazione il rischio cui si dovranno esporre i tabaccai uscendo dal bancone, spesso blindato per motivi di sicurezza?».

I tabaccai chiedono quindi di essere considerati alla pari degli altri servizi “essenziali”, come supermercati e farmacie. «lo sciopero sarà inevitabile» se il governo non dovesse tornare sui suoi passi. sciopero tabaccai

Scritto da firedream79

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cosa ne pensi?

signorini caccia alex

GFVip, Signorini caccia Alex Belli dallo studio tra i fischi del pubblico

Molteni incontra Tanasi

Quirinale: spunta tra i votati anche il Segretario Nazionale Codacons, Francesco Tanasi