in , ,

Baccalà per Natale: 3 ricette per cucinarlo in maniera impeccabile

Ricetta natalizia baccalà

Se c’è un alimento che non deve mai e poi mai mancare sulle tavole a Natale, un po’ come le lenticchie per Capodanno, è senza ombra di dubbio: il baccalà.

Alcune persone dicono che addirittura porti fortuna, e quindi per chi fosse scaramantico, vi proponiamo delle ricette per come assaggiarlo, almeno un pezzettino, e cucinarlo in maniera impeccabile.Ricetta natalizia baccalà

Informazioni generali

Il baccalà è il merluzzo conservato sotto sale, invece lo stoccafisso è essiccato.

Il baccalà, essendo un pesce sotto sale, deve essere messo ammollo (prima di decidere di cucinarlo) in acqua fredda per svariati giorni, e cambiarne l’acqua almeno tre volte al giorno. È evidente che possa sembrare una procedura un po’ noiosa, ma statene certe: ne vale la pena.

La sua diffusione è nata soprattutto lungo l’Italia meridionale, grazie ai frequenti scambi con l’Europa del Nord. Anticamente era considerato uno dei cibi più poveri, e se ne faceva un largo uso grazie alla facilità di conservazione, le proprietà nutritive e il ridotto prezzo.

Le varianti e le ricette che vi proponiamo sono tre: fritto; in umido e accompagnato dalla polenta. Insomma, ce n’è per tutti i gusti. Dovete solo trovare quella che fa più al caso vostro. Buona continuazione di lettura e buon appetito.

Baccalà fritto X4 Ricetta natalizia baccalà

Ricetta natalizia baccalà

Dopo aver tenuto il baccalà ammollo (500 grammi), come già detto precedentemente, togliete il pesce dall’acqua e tamponate con della carta assorbente.

Tagliatelo a cubetti e infarinatelo (150 gr di semola rimacinata). In una pentola, scaldate una buona quantità di olio e quando quest’ultimo sarà ben caldo, friggetevi dentro i pezzettini di baccalà che una volta ben dorati, dovete asciugare dall’eccesso di olio su un’altra carta assorbente. Vi consigliamo si servirlo ancora caldo.

Al limite tiepido e se volete potete accompagnarlo con degli spicchi di limone. Inoltre, potete continuare la ricetta, aggiungendo il pesce fritto in una pentolina in cui precedentemente avete fatto soffriggere della cipolla tagliata spessa, dei pinoli e delle olive nere. Sfumate con una tazzina di aceto e un cucchiaino di zucchero. Ricetta natalizia baccalà

In umido X4

Ricetta natalizia baccalàUna volta ammollato il baccalà (500 gr), tagliatelo a cubetti di dimensioni uguali. Tritate la cipolla e adagiatela su di una pentola dove dovete aggiungere il baccalà, il sale e il pepe, uno spicchio di aglio e 5 cucchiai di olio. Dopo un po’ aggiungete un po’ di vino bianco (100 ml) per sfumare, e poi del concentrato di pomodoro (50 gr).

Fate cucinare a fuoco basso e dolcemente per circa tre ore e mi raccomando: non fate asciugare troppo il sughetto che si creerà. In quel caso o aggiungete del vino o dell’acqua, senza far perdere il bollore al baccalà. Ricetta natalizia baccalà

Polenta & Baccalà Ricetta natalizia baccalà

Ricetta natalizia baccalàTritate finemente una cipolla, una costa di sedano, del prezzemolo e due acciughe sott’olio. Ungete una pirofila da forno con burro e olio e deponetevi dentro il baccalà (800 gr), precedentemente tagliato a cubetti (ovviamente la solita storia di tenerlo ammollò, va bene anche per questa ricetta).

Ricoprite il pesce con il trito precedentemente preparato e versateci dentro due bicchieri di latte, mettete a forno a 160 gradi e cucinatelo per circa due ore, girandolo ogni tanto… Ricetta natalizia baccalà

Per la polenta versate 200 gr di farina di mais in acqua tiepida e salate, girate con le fruste per evitare la formazione di grumi, aggiungete un cucchiaio di olio evo, e continuate a girare finché non sarà pronta.

La polenta ponetela sul fondo del piatto, aggiungete poi il pesce e sopra di tutto il latte che è stato rappreso a forno.

 

Quale variante avete preferito? In ogni caso: buon appetito!

Continuate a seguirci sempre su: Segreto Donna!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Cosa ne pensi?

abusi donna storie vere

Giada Martelli: un trionfo contro la violenza sulle donne!

Maria Pichyienko

Maria Pichyienko: la fotografia per fermare il tempo e catturare emozioni