in

Carmelita mia, tu ci hai visto giusto sull’innocenza di Marco Carta

Marco Carta assoluzione

Care amiche di SegretoDonna, oggi vogliamo aprire una nuova categoria dedicata alla conduttrice Barbara D’Urso e che chiameremo “Carmelita mia”. Con questa nuova sezione vogliamo riservare uno spazio alla tanto amata conduttrice tv che è sempre in prima fila davanti ad ingiustizie e al gossip, perchè la nostra Carmelita, qualunque cosa faccia, ci azzecca sempre.

E chissà se prima o poi cara Barbara ti accorgerai di noi!Marco Carta assoluzione

L’innocenza di Marco CartaMarco Carta assoluzione

Carmelita mia, tu hai sempre saputo dell’innocenza di Marco Carta. Già quando era venuto da te a Live – Non è la D’Urso, la scorsa stagione televisiva, sapevi che era accusato ingiustamente. Gli hai dato l’opportunità di raccontare la sua versione dei fatti, quando tutti invece erano bravi solo a puntare il dito contro di lui.

Adesso, con tua grande gioia, Marco Carta è stato definitivamente assolto da tutte le accuse in quanto non sussistono ed è venuto di nuovo da te, nel tuo salotto a Live per raccontare come sono andate le cose.

Marco Carta assoluzione

Tu lo hai accolto calorosamente, come tuo solito fare, e lo hai abbracciato sulle note del suo brano “Tu sarai la forza mia”. Poi ti sei lasciata sfuggire un “aspettavo questo momento”, perchè tu hai sempre creduto nell’innocenza di Marco Carta.Marco Carta assoluzione

Le parole di Marco Carta

Dopo aver visto i filmati da te mandati in diretta sulla notizia del suo arresto, Marco si è soffermato sulla difficoltà di quei momenti:

Sono stati mesi difficili, ho tenuto sempre una maschera con il sorriso per non far preoccupare i miei familiari e chi mi stava accanto”.

Mentre gli tenevi la mano, hai mostrato dei nuovi filmati: una docu-fiction con attori delle due versioni sul presunto furto, quella del bodyguard e quella di Carta. Il cantante tiene però a fare delle precisazioni:Marco Carta assoluzione

Quando sono uscito dalla Rinascente ero al telefono, ho visto la mia amica accerchiata e sono tornato indietro, mi hanno chiesto se la conoscevo e ho detto di sì e quindi sono andato con loro”.

Marco Carta assoluzione

Poi ti racconta di un brutto momento, quando il mondo intero gli si è rivoltato contro sui social e tu stai ad ascoltare come tu sola sai fare:

“C’è stato un accanimento generale, oggi sto bene e sono sereno, ma ha fatto male soprattutto sui social al polizia postale penserà a punire gli insulti razziali e xenofobi”.

Da donna un po’ curiosa come sei, poi chiedi a Marco se abbia più rivisto la sua amica Fabiana Muscas (la donna che ha rubato le magliette in presenza di Marco Carta): “No, sinceramente no, ma penso sia normale”, è la risposta del cantante.

Un rapporto speciale

Tra te e Marco Carta c’è un rapporto molto speciale che vi lega, tu conosci quanta sofferenza e quanta cattiveria della gente ha dovuto sopportare:

“Quando sono venuto qui io sapevo di non aver fatto niente, ma in Italia spesso è più facile credere alle cattive cose che a quelle belle. Questo è un paese che punta facilmente il dito. Avevo problemi ad uscire per strada, mi sentivo osservato, ho trovato rifugio in Ufi”.

Ufi è il fidanzato di Marco Carta e tu, donna delle sorprese, hai voluto fare una sorpresa a Marco Carta ora che la situazione è diventata più serena. Una lettera scritta dal fidanzato Sirio per il suo Marco:Marco Carta assoluzione

“Ho capito quanto bisogno avevi di me fin da subito e mi sono messo in marcia più di prima, mettendoti davanti a tutto senza rifletterci neanche un istante. Non abbiamo vissuto un periodo semplice, ma spero di essere stato all’altezza delle tue necessità. Spero di aver alleggerito i tuoi dolori, spero di averti sorretto come desideravi e di averti protetto come meritavi. In un lampo però le cose sono cambiate con la malattia di papà e tu hai messo da parte le tue preoccupazioni per starmi vicino”.

Hai fatto scendere qualche lacrima a Marco, ma nonostante questo ha anche lui delle parole per il suo Ufi:

Marco Carta assoluzione

“Lui è un amore. In questi mesi c’è stato anche il problema della morte del padre di Sirio e io ho concentrato tutte le mie forze su di lui. Non l’avevo mai detto, anche se quando sono venuto qua il fatto era quasi compiuto, cioè la morte del padre. Non l’avrei mai detta se non l’avesse fatto lui”.

Marco poi ti promette che tornerà da te e nel frattempo promette di tornare anche a fare musica: “Dedico questa sentenza a Sirio e a tutti gli amici, quelli veri, ora sentirete la mia musica”.

Cara Carmelita mia, tu ci hai sempre visto giusto su Marco Carta, quando nessun’altro lo faceva. Continuate a seguirci su SegretoDonna.

Scritto da Sophi Campailla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cosa ne pensi?

Truffa gestori telefonici

Telefonia: su ricariche telefoniche Codacons denuncia gestori ad Antitrust e AGCOM

Mercedesz Henger

È arrivata la resa dei conti per Mercedesz ed Eva Henger