in ,

Lumache a picchio pacchio: non è uno scherzo! Ecco la ricetta tutta siciliana

Lumache picchio pacchio

La carne delle lumache è tra le più povere di grassi saturi e a differenza di tutte le altre carni è molto più ricca di acqua, di proteine e di sali minerale, abbonda inoltre di calcio, ferro, rame e magnesio. Inoltre contiene pochissimi carboidrati, tanto da essere considerato come un piatto magro simile al pesce d’acqua dolce. Lumache picchio pacchio

Picchio-pacchio

L’origine del termine “Picchio Pacchio”, oppure Picchi-pacchi, o meglio ancora conosciuto come “Pic Pac”, nella tradizione popolare di Palermo palermitana deriva dal termine siciliano “pacchio” che indicherebbe il genitale femminile, per analogia di qualcosa di buono/eccitante. Altri pensano che questo strano nome derivi dallo sfrigolio del pomodoro in olio caldo, che produce un suono, per così dire “picchiettante”.

Preparazione Circa un’ora e mezza
Esecuzione Elaborata
Impegno economico Medio
Ingredienti per 4 persone Un chilo di lumache spurgate, 300 grammi di pomodoro pelato, uno spicchio d’aglio, mezza cipolla, un ciuffetto di prezzemolo, abbondante olio extravergine di olive (circa cinque cucchiai colmi), sale e pepe Q.B.

Procedimento Lumache picchio pacchio

Lavate molto bene e a fondo le lumache in acqua corrente, poi lessatele per circa un quarto d’ora, schiumando il tutto con un mestolo forato. Dopo lo trascorrere di questo quarto d’ora, scolate le lumache. Sicuramente saranno tutte uscite fuori a causa del calore e dovete ripetere tale operazione per circa altre 2/3 volte. Cambiate sempre e ancora l’acqua di cottura. Una volta finito, scolatele per un’ultima volta e mettetele da parte.

Adesso pelate i pomodori, privateli dei semi, spellateli (se preferite) e tagliatevi a cubetti (o a spicchi) e aggiungetela alla cipolla appassita in olio e acqua, tritata in padella e con lo spicchio di aglio schiacciato, per far insaporire meglio il gusto.

Aggiungete poi il sale, il pepe e il prezzemolo (o se volete questo lo potete mettere anche a finissima cottura sopra il piatto stesso), cuocete ancora per un altro ennesimo quarto d’ora. Finalmente aggiungete le lumache e fateli insaporire per più tempo possibile.

In realtà basterebbero solo 2 minuti. comunque se volete potete aggiungere anche le patate e le carote, come nella foto sopra.

Un trucchetto

Per far uscire tutte le lumache dal loro guscio, così da non sforzarvi con lo stecchino o altri aggeggi, basterà bollirli per la prima volta, prima a fuoco basso e quindi in acqua fredda e poi aumentate la fiamma quando notate che sono tutte fuoriuscite dalla tana, col calore rimarranno immobili e non troveranno la forza di rientrare dentro.

(Certo è che detto così può sembrare un po’ atroce e insensibile, chiediamo scusa ai vegetariani). Ai carnivori: buon appetito!

Continuate a seguirci su SegretoDonna!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cosa ne pensi?

Filippo Pamela figlio

Cicogna in arrivo per Filippo Bisciglia e Pamela Camassa, è arrivato il momento

film erotici famosi

In nome dell’eros: 5 film che hanno fatto la storia!