in ,

Nasce la Commissione Dubbio e Precauzione, l’importante convegno scientifico fa tremare la narrativa unica del mainstream

Commissione Dubbio e Precauzione

Care amiche e amici di SegretoDonna, dopo il successo del convegno sulle Politiche Pandemiche, svoltosi all’International University College di Torino lo scorso 10 novembre, l’8 dicembre, via streaming, è stata presentata con un’altra conferenza di oltre 9 ore la Commissione Dubbio e Precauzione: più di 50 relatori – in buona parte medici e scienziati – in videoconferenza hanno infatti lanciato i lavori tramite una diretta che Facebook ha però prontamente oscurato.

Nel giorno della Festa dell’Immacolata, l’interessantissimo appuntamento via social è stato con i quattro intellettuali italiani che più di tutti sono stati scettici e critici radicali della gestione pandemica e della campagna vaccinale:

UGO MATTEI giurista

MASSIMO CACCIARI filosofo

GIORGIO AGAMBEN filosofo

CARLO FRECCERO massmediologo

Insieme, per costituire la Commissione Dubbio e Precauzione.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da SegretoDonna (@segretodonna)


La loro critica è rivolta soprattutto a questa fase di gestione da parte del governo di Mario Draghi e non solo. Le perplessità riguardano il vaccino contro il Covid, la sua somministrazione di massa, le politiche autoritarie, la deriva biopolitica, l’utilizzo del Green Pass, l’implementazione del Super Green Pass e la fine dello Stato d’emergenza, che molto probabilmente il governo allungherà ulteriormente oltre il 31 dicembre 2021.

La Commissione Dubbio e Precauzione si costituirà in modalità permanente:

«L’obiettivo è quello di tutelare la libertà e i diritti umani nell’ambito delle leggi internazionali»
si legge sul sito di «Generazioni Future», associazione intitolata al giurista esperto di diritti Stefano Rodotà, (intellettuale scomparso 4 anni fa) presieduta proprio da Ugo Mattei, con il fine di discutere sui temi di dubbio e precauzione della gestione pandemica dello Stato d’emergenza.

L’idea nasce da Ugo Mattei, professore di diritto all’Università di Torino che è stato collaboratore di Rodotà in particolare sul tema dei beni comuni. Negli ultimi mesi, a Torino, Mattei ha guidato le proteste contro il Green Pass, all’università e non solo, oltre ad essersi presentato alle Elezioni Comunali nella città della Mole, alle quali ha conseguito il 2,3%.

A parlare di questa iniziativa era stato Massimo Cacciari, filosofo ed ex sindaco di Venezia per tre mandati, sostenendo che «regna un pensiero unico, che non ammette neanche l’esercizio del dubbio», criticando poi il fatto che la condizione di emergenza possa diventare permanente.

Perciò, ha spiegato lo stesso Cacciari, è arrivato il momento di fondare «un gruppo di controinformazione serio» – rassicurando.

«Raccoglieremo tutte le testimonianze critiche provenienti da tutto il mondo e vedremo di tentare di aggiungere informazioni ai dati limitati che ci sono stati forniti fino a oggi».

Tantissimi gli interventi e invitiamo a guardare la video conferenza nella sua interezza:

Marco Milanesio, Maria Rita Gismondo, Tiziana Vigni, Michele di Mascio, Andrea Saltelli, SCGP Pavia, Carlo Gambacorti Passerini, Giovanni Nobili, Massimo Citro che dice che con i vaccini «il principio di precauzione è stato del tutto sospeso oggi, si sta facendo una sperimentazione mondiale. i bambini e adolescenti sono messi a rischio miocardite con questa ‘vaccinazione’. Perchè i malati non sono stati curati e salvati? Le cura c’erano già alla SARS precedente, la COVID-19 è una SARS-2 che somiglia al 90% alla SARS-1, la fisiopatologia di questa infezione è la stessa della SARS di 18 anni fa faceva già tromboembolie, perchè la Sanità italiana non ha previsto scorte di eparina subito?», Daniele Porretta, Giuseppe Longo, Livio Giuliani, Patrizia Luzi, Hubert Debollies, Andrea Camperio Ciani, Nunzia Schilirò, Eduardo Missoni, Jean-Dominique Michel, David Conversi, Virginie Araujo-Recchia, Laurent Mucchielli, Philippe Guillemand, Leda Volpi, Gabriella Paolucci, Andrea Zhok, Gennario Imbriano, Carlo Lottieri, Vito De Luca, Guido Cappelli, Pasquale De Sena, Sara Gandini, Stefano Scovazzo, Alberto Contri, Mariano Bizzarri, Antonietta Gatti, Giuseppe Romeo, Roberta Lanfredini.

Il professor Mattei ha invocato una «buona e libera scienza, perché è di quella che ha bisogno la democrazia. Ci doteremo di un comitato scientifico, oggi è il punto di partenza per la nascita di un dibattito scientifico sereno, forte e interdisciplinare importante per il periodo che stiamo vivendo, non solo per la piccola grande contingenza del Green pass e delle violazioni dei diritti costituzionali, anche per la fase di capitalismo attuale».

Infine parla il filosofo Giorgio Agamben: «Davanti a noi non abbiamo avversari intellettualmente vivi. Sono dei morti. Una delle nostre difficoltà è quella di dover affrontare avversari spiritualmente inesistenti. Per questo servono azioni concrete. Durante il fascismo, chi si opponeva non organizzava solo convegni, ma passava all’azione” quindi attacca “i metodi infami, estremi e distruttivi, contro i quali non ha senso limitarsi a invocare i propri diritti».

Carlo Freccero: «La Commissione produrrà dati seri e concreti perché ci sono carte inedite che spazzano via la propaganda del mainstream, documenti scientifici lasciati sepolti».

La Medicina si basa sul principio di precauzione e la Scienza si fonda sul dubbio, è questo alla base del metodo scientifico come bene ci ricorda questa iniziativa. La Scienza non si basa su dogmi, ma è una ricerca continua.

Noi di SegretoDonna continueremo a tenervi informati. Lasciate il vostro commento.

Scritto da firedream79

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cosa ne pensi?

tassa famiglie stangata

Unimpresa: «Tassa occulta da 80 miliardi per famiglie e imprese»

muore padre vaccino

Muore a 41 anni padre di un bambino accertato legame con AstraZeneca