in ,

E tu hai già ricevuto l’invito esclusivo per poter entrare a far parte di Clubhouse?

Clubhouse app

Care amiche di SegretoDonna, per chi come me sta sempre alla ricerca continua delle ultime tendenze, non si sarà fatta scappare la novità del momento. Tutti ne parlano. Tutti sono alla ricerca di un invito per entrare a far parte di questo nuovo social. Sto proprio parlando di Clubhouse: la nuova piattaforma social che sta spopolando ovunque e che ahimè già in qualche parte del mondo è stata addirittura censurata. Clubhouse app

Che cos’è Clubhouse? Clubhouse app

Clubhouse è una piattaforma live, solo audio, dove le persone si riuniscono per discutere di vari argomenti a piacere.

Non ci sono commenti o messaggi scritti, ma tutta l’interazione è basata sulla voce. A differenza dei più famosi Facebook, Instagram e Twitter, l’unico contenuto fruibile sono un enorme contenitore di podcast. Inoltre, per aderire bisogna avere almeno 18 anni e possedere un iPhone.

In realtà un’app per Android è in via di sviluppo anche se non si sa quando verrà pubblicata su Play Store. Appena entrati nella schermata iniziale, c’è una pagina dove è possibile esplorare le diverse stanze create dai contatti. Questa sezione è curata in base agli interessi e alle persone che si seguono. L’ingresso è solo su invito e richiede la registrazione con il proprio numero di cellulare.

Anche i Grandi usano Clubhouse

Elon Musk, il secondo uomo più ricco del mondo, ha svolto un ruolo importante nell’ascesa di Clubhouse, alimentando l’interesse con apparizioni di alto profilo.

Durante i suoi interessanti argomenti è riuscito ad attrarre tanti tantissimi ascoltatori. Gira voce che prossimamente appaia sull’app con il rapper Kanye West, anche se una data non è stata ancora fissata. Clubhouse app

Ma non solo, infatti sembrerebbe che Elon Musk abbia invitato Putin a conversare su Clubhouse. Il presidente russo infatti starebbe valutando, la possibilità di unirsi al CEO di Tesla e SpaceX per una conversazione.

Recentemente l’app ha affermato che sta riesaminando le sue pratiche sulla privacy dei dati. Tutto ciò dopo che un rapporto dell’Osservatorio Internet di Stanford ha segnalato un difetto che ha consentito alle autorità cinesi di accedere ai dati degli utenti. Le autorità cinesi infatti, hanno recentemente bloccato l’accesso interno all’app. Il motivo è stato un’esplosione di utenti cinesi interessati a Clubhouse, dove era possibile discutere di argomenti tabù e normalmente proibiti in Cina.

Clubhouse VS Instagram

L’app ultimamente ha ricevuto un finanziamento importante di 100 milioni di dollari da Andreessen Horowitz, uno tra i più importanti investitori al mondo, nonostante avesse già finanziato l’app con 12 milioni di dollari nella primavera scorsa.

I nuovi 100 milioni hanno già fatto lievitare il valore di Clubhouse a 1 miliardo di dollari. Un dato importante da sapere è che, nonostante sia solo disponibile per iPhone al momento conta più di 2 milioni di utenti a settimana . Una volta che sarà disponibile la versione per Android è molto probabile che l’app diventerà molto più popolare rispetto Instagram.

Non dimentichiamo che Clubhouse è un’app interessante che mette la voce al centro di tutto come strumento attraverso il quale stringere relazioni, liberandoci dal like forzato.

Trovo che sia una novità diversa e affascinante perché è un app dove non conta l’immagine che hai o come appari. L’unica cosa che davvero conta è il sapere: se hai delle conoscenze, se hai delle idee e sei in grado di “venderti” allora in quel caso hai vinto.
Io nel frattempo sono diventata una grande fan di Clubhouse e se anche voi vi siete lasciate tentare da questa nuova app fatemi sapere.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Cosa ne pensi?

Julietta Lozano

Scritto da Julietta Lozano

Rosalinda Dayane pace

Dayane Mello crolla nella Casa: “Voglio morire”

Rosalinda Cannavò Zenga

Massimiliano Morra contro Rosalinda Cannavò e Andrea Zenga: “Tutta strategia”