in ,

Una perizia ha stabilito che Camilla Canepa è morta per l’iniezione ma esclusa dal report dell’Aifa. Belpietro: «Il trucco per mascherare le morti»

camilla canepa vaccino aifa

Care amiche e amici di SegretoDonna, sulle pagine de La Verità sembrerebbe che in base al report dell’Aifa di farmaco-vigilanza sul vaccino anti-Covid le morti direttamente collegate al siero sono solo 22, tutte riguardanti pazienti di oltre 80 anni di età. Nessuna diciottenne, come Camilla Canepa, come è noto scomparsa dopo una dose di AstraZeneca. Sarebbe naturale allora pensare che evidentemente il decesso non è stato ritenuto avente un rapporto di correlazione con il vaccino, come molti altri. camilla canepa vaccino aifa

Eppure scrive Maurizio Belpietro che la «perizia della Procura ha accertato che la ragazza non soffriva di alcuna patologia, era cioè in salute, e non assunse altri farmaci che potevano interagire con l’iniezione ricevuta. La sua morte è dunque ‘ragionevolmente da riferirsi a effetti avversi della vaccinazione’. Lo scrivono i periti della Procura di Genova Luca Tajana e Franco Piovella, nelle 74 pagine di relazione consegnata ai pm Francesca Rombolà e Stefano Puppo, in cui analizzano le cause della trombosi cerebrale per carenza di piastrine che ha causato il decesso di Camilla». Quale è la ragione per cui allora la giovane di Chiavari e chissà quanti altri come lei non rientrano nel report? camilla canepa vaccino aifa

Il motivo è che Camilla è morta il sedicesimo giorno dopo aver ricevuto la dose di Astrazeneca, mentre l’algoritmo dell’Agenzia italiana del farmaco prende in considerazione solo i decessi avvenuti entro 14 giorni dalla somministrazione e non oltre. «Tradotto in poche parole, è morta troppo tardi per essere considerata una vittima del vaccino» è il commento di Belpietro che riporta anche il numero dei casi che restano fuori dalla contabilità.

Ben «223 segnalazioni sono state escluse perché il decesso avveniva oltre le due settimane o perché non era possibile calcolare l’intervallo temporale tra la vaccinazione e il decesso» e questo riguarderebbe solo i decessi. Insomma, dopo i 14 giorni chi muore non ha diritto a essere considerato vittima del vaccino anche se una perizia di tribunale attesta il contrario.

E voi cari lettori cosa ne pensate? Lasciate il vostro commento per noi è importante! camilla canepa vaccino aifa

Scritto da firedream79

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cosa ne pensi?

caro benzina emergenza

Caro-benzina è emergenza come bollette

Sergio Satriano

Sergio Satriano, calciatore muore a 35 anni stroncato da un malore nella notte: lascia una figlia piccola