in ,

Beatrice Barbieri RunningMama: “felice senza paura della fatica”

Una mamma, una fitness addicted, una Donna Vera che possiede energia e forza di volontà da vendere. Beatrice Barbieri, in arte RunningMama, è un esempio per tutte coloro che amano tenersi in forma e riescono a coniugare i mille impegni da mamma con le esigenze del proprio corpo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Ogni giorno dobbiamo mettere in conto le difficoltà, i rischi, i pericoli, gli inconvenienti che la vita ci porterà. Per forza di cose. Ma sta a noi farci bloccare o continuare la nostra lotta. Il nostro viaggio. . . . . #feminism #work #desertrun #personaltrainer #justdoit #vaiefai #runhappy #runner #runningmama #run #runnerscommunity #iocorroqui #runlovers #nikewomen #nike #bb #futuro #visionari #cardio #fit #instarun #instarunner #runhappy #running #runtoinspire #trailrun #trailrunner #trailrunning #training #workout #iocorroperchè

Un post condiviso da RunningMama (@_runningmama_) in data:

Beatrice Barbieri RunningMama

[ad id=”2888″]
[ad id=”2888″]

Noi di SegretoDonna le abbiamo fatto qualche domanda per conoscerla meglio, e per farci raccontare le sue giornate.

[ad id=”2888″]
[ad id=”2888″]
[ad id=”43″]
Beatrice, parlaci un po’ di te. Chi sei e quali sono le tue passioni più grandi?

Sono una donna, una mamma e una personal trainer. Una donna come tante che però ha la pretesa di avere una vita completa e di riuscire a far tutto quello che è necessario per avere ciò che voglio.

Voglio raggiungere i miei obiettivi, essere felice, ed essere serena senza avere paura della fatica.

Vita da sportiva e vita da mamma: come riesci a coniugare le due cose?

Mi sono organizzata nel miglior modo possibile, perché oltre a essere una mamma sono anche single. Innanzitutto cerco di avere sempre un piano B: faccio dei programmi che so che possono variare e proprio per questo cerco di avere sempre un piano di riserva.

Il mio primo piano B è quello di avere una bici in casa e svegliarmi sempre molto presto. Se so che la giornata sarà particolarmente impegnativa metto la sveglia mezz’ora o un’ora prima rispetto al solito.

Quindi, se di solito mi sveglio alle 4:oo, ci sono giorni in cui la sveglia suona alle 3:30. E la cosa non mi fa minimamente paura.

Inoltre, ho la fortuna di poter lavorare online. Mentre lavoro pedalo sulla mia bici, e già questo è molto importante perché nel caso in cui non riuscissi ad allenarmi per il resto della giornata so di essermi comunque presa cura del mio corpo.

Serve sicuramente tanta forza di volontà…

Sì ma quando inizi non riesci più a farne a meno, perché dà una carica incredibile. Iniziare la giornata facendo sport, ritagliando un momento tutto per te, dà un’energia pazzesca.

Ricordiamo poi che allenarci non serve solo a diventare belli ma anche ad aiutare il corpo ad affrontare le giornate.

Sei riuscita a trasmettere a tuo figlio la tua passione per l’attività fisica?

Lui vuole venire a correre con me e ama mangiare sano. Non dice “diventi grassa” o “non mi piaci grassa” ma “queste cose non ti fanno essere bella” oppure “queste cose con il tempo ti fanno ammalare”.

E poi vuole assolutamente correre con me. Io gareggio, e sono riuscita a trovare una gara ad Amsterdam che include sia la maratona per i grandi che la gara per i bambini, dove parteciperemo insieme.

È una cosa pazzesca. Lui vuole la mamma campiona, è abituato a vedermi sulla bici; sa che quello è il mio momento di sport ed è abituato a rispettarlo, come io rispetto i suoi.

Progetti futuri e sogni nel cassetto – che riguardino te o anche il tuo bambino – o nuove discipline a cui ti piacerebbe approcciarti?

Nuove discipline no, amo così tanto la corsa! Sicuramente vorrei correre con mio figlio, fare delle gare vere con lui. Progetti che includano entrambi, però, no: amo vivere lo sport con me stessa o con altre donne. Voglio che questo rimanga anche a lui, che veda lo sport come un momento tutto suo da vivere come gli piace.


Ho in mente tante cose per le donne, vorrei cambiare la mentalità futura delle donne. Se io dicessi, per esempio, “pensa a un telefono” tu penseresti a un iPhone o, comunque, a uno smartphone, non pensi a un telefono attaccato alla cornetta. Ecco, io vorrei che le donne un giorno pensassero lo stesso dell’attività fisica, che questa diventasse per loro una cosa normale come lavarsi i denti. Che fosse una cosa imprescindibile per la giornata, di cui non possono fare a meno.

Inoltre, vorrei dire a tutte le donne che è possibile fare sport anche in gravidanza, nel periodo del post-partum e anche quando il bimbo è piccolo. Perché se lo si abitua da subito a vederci fare sport lui amerà questa cosa du noi. Le mamme che mi ascoltano e credono a queste parole mi mandano le foto dei loro bimbi che le disegnano con i pesi in mano o mentre corrono. Io dico sempre “non preoccupatevi, lasciatelo piangere, e ditegli con serenità che la mamma adesso arriva”. I nostri figli impareranno così a pretendere di avere momenti propri, a guadagnarseli nel mondo e con gli amici.

Cosa vuol dire per te essere una Donna Vera?

Essere una donna onesta con se stessa. Sapere cosa voglio, chi sono, non raccontarmi delle bugie. Vera, onesta.

[ad id=”43″]
[ad id=”2888″]
[ad id=”2888″]

Continuate a seguirci e a raccontarci il vostro essere Donne Vere! Beatrice Barbieri RunningMama

Beatrice Barbieri RunningMama

Scandalo Sara Affi Fella

Scandalo Sara Affi Fella: “La famiglia la incappucciava per…”

WhatsApp: adesso puoi scoprire se il tuo lui ti tradisce