in ,

Torna l’autocertificazione, dove e quando serve compilarla

Autocertificazione novembre 2020

L’Italia è stata divisa in tre zone: rossa, arancione e gialla e ciascuna ha le proprie restrizioni da seguire, soprattutto in fatto di circolazione.Autocertificazione novembre 2020

Se la zona gialla permette di circolare tra comuni e regioni, la zona arancione permette di spostarsi solo all’interno del proprio comune e non in altri comuni o regioni. Diverso il caso della zona rossa, dove non ci si può spostare nemmeno all’interno del proprio comune.

Tuttavia, rimane uguale per tutte le zone il coprifuoco dalle ore 22 alle ore 5 del mattino. Ma allora come fare se ci si deve spostare per forza? Nessun problema, per lavoro, comprovate situazioni di necessità ed emergenza e per motivi di salute è possibile spostarsi.

Allora come fare a comprovare uno spostamento per i motivi sopra indicati? Ecco che ritorna la tanto “amata” autocertificazione da compilare e mostrare in caso di posto di blocco da parte delle forze dell’ordine.

Autocertificazione novembre 2020

Dove e quando bisogna compilare l’autocertificazione per spostarsiAutocertificazione novembre 2020

Dove e quando va compilata l’autocertificazione? Partiamo con il provvedimento che vale per tutte e tre le zone: se ci si sposta nelle ore del coprifuoco (dalle 22 alle 5) la si deve compilare, infatti ci si può spostare solo per comprovate esigenze lavorative, di salute e di necessità.

La zona gialla, a parte il provvedimento generale, non prevede l’uso di autocertificazione per altre motivazioni. In questo caso ci si può liberamente spostare nel proprio comune, nella propria regione e in altre regioni.Autocertificazione novembre 2020

Nella zona arancione le cose iniziano a cambiare, infatti, oltre che per il provvedimento generale, l’autocertificazione va compilata anche nel caso in cui ci si sposti in un altro comune o in un’altra regione.

Infine, nella zona rossa, oltre che per il provvedimento generale, l’autocertificazione serve sempre: sia che ci si sposti in un’altra regione, sia che ci si sposti in un altro comune, ma anche se ci si sposta all’interno del proprio comune.

Ciascun spostamento non consentito dalla propria zona di appartenenza deve essere sempre giustificato e comprovato dall’autocertificazione. Gli unici casi in cui non serve compilare il modulo è nel caso in cui si fa sport, si fa una passeggiata al parco con i bambini o quando si va a prendere ed accompagnare i propri figli a scuola.

Il modulo di autocertificazione, riempito accuratamente e con informazioni vere, può essere compilato sia a casa che in presenza delle forze dell’ordine. Chi si sposta violando le norme vigenti nella propria zona può incorrere in una multa che può andare dai 400 ai 1000 euro.

Ecco il link dove poter scaricare il modulo per tutti i vostri spostamenti in sicurezza. Continuate a seguirci su SegretoDonna.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Cosa ne pensi?

Sophi Campailla

Scritto da Sophi Campailla

Codacons tonfo beni consumo

Codacons: dati peggiori delle attese, preoccupa tonfo dei beni di consumo

Conte difende governo

Critiche contro il Governo, il premier Conte risponde così: “Mai andato in vacanza, altrimenti vivremmo già in lockdown”